Dissonanza cognitiva

<strong>Dissonanza cognitiva</strong>
I quattro esempi del Dottor Roberto Slaviero

sabato 21 maggio 2016

"I dittatori del club"


L'ONU Sul terreno di Guerra: 
Stop alla libertà di parola e "all'estremismo" Online
Questo articolo è stato scritto da Alex Newman e originariamente pubblicato su The New American 
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite vuole un "quadro" globale per censurare Internet, così come per l'utilizzo della propaganda di governo e "misurare" ciò che i suoi burocrati chiamano la "propaganda on-line", "ideologie di odio" e "terrorismo digitale." A tal fine, questa settimana, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha ordinato al "Comitato contro il terrorismo" delle Nazioni Unite - sì, è una vera e propria burocrazia - a elaborare un piano per il prossimo anno, tutti d'accordo sia da parte dell'amministrazione Obama al brutale regime comunista cinese, sul fatto che era tempo di dare un giro di vite e mettere in linea le Nazioni Unite sulla libertà di parola e di pensiero - il tutto con il pretesto di combattere la fasulla guerra terroristica in modo trasparente.


L'ONU, deriso dai critici americani come i "dittatori del club", ha riferito di collaborare con alcune delle più grandi società di Internet e della tecnologia a livello mondiale. Tra le aziende coinvolte nello schema c'è Microsoft, che, in un discorso davanti al Consiglio di Sicurezza in data 11 maggio, ha chiesto "partenariati pubblici-privati" tra le grandi imprese e il governo per combattere la propaganda on-line. Poiché su questa iniziativa si sono espressi, Google, Microsoft, Yahoo e altri giganti al Top della Tecnologia, tutti hanno pubblicamente abbracciato l'iniziativa delle Nazioni Unite e il suo ordine del giorno per l'umanità. Molti degli oltre 70 relatori, con l'aiuto del "settore privato", hanno anche detto che era passato il tempo di censurare Internet.

Nel corso della riunione delle Nazioni Unite di questa settimana, i 15 membri del Consiglio di Sicurezza, tra cui alcune delle dittature più estreme e violente del pianeta, hanno affermato che volevano fermare l'estremismo e la violenza sulla diffusione che avviene in Internet. In particolare, la pretesa dei governi che volevano far trasparire come loro sforzo era rivolto a gruppi terroristici islamici come l'ISIS e al-Qaeda, entrambi i quali hanno ricevuto il sostegno cruciale dai principali membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per sé. Il terrorismo non è stato definito. Però, tutti d'accordo, che il terrore non deve essere associato ad una particolare religione, nazionalità, etnia, e così via, anche se almeno una delegazione ha additato il governo israeliano.

Nella sua "dichiarazione presidenziale" dopo la seduta, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha affermato che "il terrorismo" potrebbe essere sconfitto solo con il "diritto internazionale" e attraverso la collaborazione tra le Nazioni Unite e governi regionali emergenti come le varie "unioni" ed essere imposto all'Europa, Africa, Eurasia, America del Sud, e non solo. "Il Consiglio di Sicurezza sottolinea che il terrorismo può essere sconfitto solo da un approccio sostenibile e globale che coinvolga la partecipazione attiva e la collaborazione di tutti gli Stati, le organizzazioni internazionali e regionali, ... coerenti con la strategia antiterrorismo globale delle Nazioni Unite", questo è quello che è stato detto: Naturalmente, le Nazioni Unite attualmente non hanno ancora una definizione del terrorismo, ma è in fase di ricoprire ampi e nuovi poteri con il pretesto di combattere questa nemesi indefinita.

Tuttavia, le Nazioni Unite, nella sua guerra in corso contro la libertà di parola e dei diritti umani reali di tutto il mondo, ha offerto alcuni suggerimenti nella sua forte agenda. Secondo i funzionari delle Nazioni Unite, il piano per regolare la parola in Internet andrà ad integrarne un'altra, la relativa trama delle Nazioni Unite nota formalmente come il "Piano di azione per prevenire l'estremismo violento." Come il New American ha segnalato l'anno scorso, il piano prevede una guerra globale contro le "ideologie". In quella crociata includeranno, tra gli altri componenti, gli sforzi planetari a debellare tutti i "bigottismi gli antimusulmani," sentimenti anti-immigrati, e molto altro ancora, questo è quanto Obama ha spiegato all'Onu. Nel mirino ci sono anche i cosiddetti "estremismi non violenti", non solo, ma nel nel mirino delle Nazioni Unite, c'è anche in generale la libertà di parola.

Non è stato chiarificato di come una guerra guidata delle Nazioni Unite sul "bigottismo e antimusulmano" si sia fermata al'ISIS. Il
selvaggio gruppo terroristico, che secondo i più alti funzionari degli Stati Uniti è stato creato e finanziato dagli anti-ISIS in coalizione con Obama, è servito come la giustificazione fondamentale per il piano delle Nazioni Unite. Tuttavia, sulla base delle linee rilasciate finora sul sistema delle Nazioni Unite riguardo all'estremismo, è chiaro che da parte delle Nazioni Unite non ci saranno seri sforzi per affrontare e limitare il crescente estremismo o l'estremismo violento da parte dei suoi molti membri i regimi, in gran parte autocratici. Al contrario, il piano "dell'estremismo" servirà come pretesto per imporre una vasta gamma di politiche realmente estremiste a livello nazionale, regionale e internazionale.

Apparentemente l'assurdità totalitaria dei commenti è
ignara, alti funzionari delle Nazioni Unite hanno chiesto garanzie contro le "punizioni eccessive" brandite contro chi esprime le proprie opinioni su Internet. "La protezione dei media liberi può essere una difesa contro le narrazioni terroristiche," UN segretario generale Jan Eliasson al Consiglio di Sicurezza durante l'incontro di questa settimana in un meraviglioso esempio di doppio linguaggio ha detto: "Non ci deve essere alcuna punizione arbitraria o eccessiva nei confronti delle persone che semplicemente esprimono le loro opinioni." Non erano molto chiare le specifiche sulle pene riguardanti la libertà di parola, che potrebbero essere considerate non eccessive. Ma negli Stati Uniti, nonostante le Nazioni Unite sostengano i pseudo "diritti umani", richiede la censura, così ogni e qualsiasi "punizione" per aver espresso le proprie opinioni che sono severamente vietate.

Separatamente, la dittatura comunista cinese, che ora domina varie burocrazie delle Nazioni Unite, con entusiasmo abbraccia gli sforzi delle Nazioni Unite. Parlando a nome del brutale
regime, Liu Jieyi, rappresentante permanente di Pechino alle Nazioni Unite, ha detto che le istituzioni che promuovono "ideologie estremiste" necessariamente dovranno essere "chiuse". A quanto pare non si riferiva alla "ideologia estremista" del Partito comunista cinese o al suo brutale regime, che ha ucciso più esseri umani innocenti di ogni altro nella storia. solo Pechino ha ucciso più di 60 milioni di persone, senza comprendere quelli macellati in aborti forzati. Altri governi comunisti alleati con Pechino ne hanno ucciso decine di milioni in più, solo nel secolo scorso.

Mentre le Nazioni Unite hanno un ruolo importante da svolgere, anche i governi hanno bisogno di dare una mano a censurare Internet e abolire la libertà di parola, il regime comunista ha detto: "Gli Stati devono chiudere alcune reti di social e media",
Liu ha proseguito, chiedendo alle Nazioni Unite e ai suoi membri di "tagliare i canali per la diffusione delle ideologie terroristiche." Ha anche sollecitato decreti terroristici adottati di recente da Pechino per colpire Internet  pretendendo l'autorizzazione e il dispiegamento di esecutori armati della dittatura comunista in tutto il mondo. Come in precedenza il The New American ha documentato nel discorso delle Nazioni Unite, la dittatura cinese avrà un ruolo importante nella crociata dell'anti-libertà. In realtà, attualmente il regime ha i suoi agenti incorporati all'interno dell'Onu, e anche nella parte superiore dell'agenzia delle Nazioni Unite dove i globalisti stanno lavorando per potenziare e come regolare la rete globale di Internet. I globalisti sostengono la censura e tutto quello che può essere letto, ascoltato e visto con gli occhi.

Anche se la Cina comunista e gli altri membri sono apertamente dittatoriali all'interno delle Nazioni Unite, nonostante abbiano avallato la censura e la regolamentazione per fermare le ideologie e la "propaganda", a loro non piace: l'amministrazione Obama, l'Unione Europea, e alcuni dei suoi ex sovrani degli Stati membri, invece di propagandare l'agenda governativa per contrastare la propaganda estremista. Tuttavia, parlando per l'Unione europea, Alain Le Roy ha implementato e anche celebrato i propri sforzi per un
inspiegabile super-Stato per censurare Internet, come qualcosa da emulare. L'anno scorso, questa rivista ha segnalato la sedicente forza di polizia della UE, Europol, che si è anche lanciata in un unitario totalitarismo volto a censurare i contenuti "estremisti" su Internet. Il portavoce UE ha sottolineato, tra gli altri schemi in corso, gli sforzi della UE per rimuovere da Internet il "materiale di propaganda", così come la rimozione di altri sforzi propagandistici dell'Unione europea che "diffondono messaggi alternativi."

Il rappresentante della brutale
dittatura della Siria, Bashar Hafiz al-Asad, (...) ha tenuto duro fino a rovinare la festa. Egli ha sottolineato che più membri delle Nazioni Unite avevano usato combattenti terroristi e mercenari nel loro intento di distruggere la Siria. E ha ragione. Infatti, fin dal 2012, documenti dell'Agenzia US Defense Intelligence mostrano che l'amministrazione Obama sapeva che i "ribelli siriani moderati" che sosteneva erano guidati da al-Qaeda e la Fratellanza Musulmana. L'amministrazione e i suoi alleati stavano anche lavorando per creare quello che hanno descritto come un "principato salafita in Siria orientale" - oggi il principato è conosciuto come lo Stato Islamico, o ISIS - al fine di destabilizzare il regime di Asad. Anche alti funzionari degli Stati Uniti hanno apertamente ammesso che la coalizione "anti-ISIS" di Obama è stata responsabile della creazione, inserimento, e il finanziamento dell'ISIS. Che ruolo di "propaganda" potrebbe aver giocato Internet e in che, sul caso, questo non è stato chiarito nel corso della riunione delle Nazioni Unite.

In Libia,
si è verificata una situazione simile. L'amministrazione Obama, con il pretesto illegittimo di far rispettare una risoluzione delle Nazioni Unite, ha apertamente collaborato con i leader auto-dichiarati di al-Qaeda per rovesciare l'ex alleato degli Stati Uniti del terrore della guerra e brutale dittatore Muammar Gheddafi. Il Congresso non è mai stato consultato, la guerra che ha fatto Obama è illegale e incostituzionale, oltre al grave reato di fornire aiuto alle organizzazioni terroristiche designate. Oggi, grazie anche all'estremismo, la Libia è uno Stato fallito inondato di pesanti armamenti militari e formazione di campi del terrore. Gran parte degli aiuti forniti dall'amministrazione Obama sono finiti in mano a gruppi terroristici in Libia e successivamente trasferiti a sostenere gruppi terroristici in Siria dopo la caduta del regime di Gheddafi.

A parte i governi di dittatori e burocrati internazionali, la Big Technology è stata anche rappresentata alla riunione delle Nazioni Unite. Il
vicepresidente di Microsoft e Deputy General Counsel Steve Corona, ha detto che per i rappresentanti dei governi tiranni che non c'è "proiettile d'argento" che impedisca ai terroristi ed estremisti di utilizzare Internet. "Se ci fosse una soluzione fattibile, l'industria l'avrebbe adottata", aggiungendo e affermando,  che Google, Facebook, Twitter collaborano insieme per evitare gli abusi di Internet. Facebook si è pronunciato esponendosi proprio questa settimana per censurare i media conservatori nella sezione notizie "trend". E, all'inizio di quest'anno, Google ha fatto altrettanto per aiutare il governo degli Stati Uniti a guidare e fomentare la rivoluzione jihadista in Siria.

Riprendendo la retorica delle Nazioni Unite, Corona ha sostenuto "il diritto internazionale" e in stile
fascista il "partenariato pubblico-privato", in cui i governi e le grandi imprese uniscono le forze, sostenendo che il diritto internazionale è la risposta appropriata. Egli ha anche detto che la "comunità internazionale", (un termine ingannevole generalmente usato per riferirsi alle Nazioni Unite e dei suoi membri di governi), è necessario per "lavorare insieme in modo coordinato e trasparente." Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nella sua dichiarazione finale ha convenuto dicendo che ci dovrebbero essere "modi più efficaci per i governi a collaborare con ... partner privati ​​del settore." Questa, non si può dire che sia una nuova agenda.

Come
in precedenza, il The New American ha riportato i giganti della tecnologia - che sono tutti rappresentati regolarmente ai vertici dei globalisti Bilderberg - sono anche emersi entusiasti sostenitori della radicale "Agenda 2030" delle Nazioni Unite. Secondo l'accordo, l'obiettivo è "trasformare il nostro mondo, nella "ridistribuzione della ricchezza a livello internazionale, abilitando le istituzioni della globale governance, e altro ancora. Tra le orgogliose mega-società che appoggiano il regime dei tre principali motori di ricerca di tutto il mondo ci sono: Google, Bing di Microsoft, e Yahoo. Non è stato immediatamente chiaro se il supporto profondamente controverso per l'agenda di queste società delle Nazioni Unite potrebbero influenzare la presunta imparzialità dei loro risultati di ricerca. Ma i critici del piano delle Nazioni Unite hanno comunque espresso allarme.

Naturalmente, una manciata non di più di 70 persone che hanno parlato al Confab Consiglio di Sicurezza si sono espressi a parole sulla "libertà di parola" e la "libertà di pensiero". La delegazione del governo iracheno, per esempio, ha sottolineato la differenziazione tra "libertà di pensiero e quella sull'estremismo ideologico". Altri hanno detto che la guerra all'estremismo non poteva essere utilizzata per giustificare, perseguitare e criticare i governi. Alcuni dei presenti che hanno parlato, senza dubbio, avevano anche buone intenzioni

Tuttavia, incaricare l'ONU a combattere l'estremismo e le pericolose ideologie, sarebbe come mettere un boss mafioso a capo della lotta alla criminalità - è palesemente assurdo, se non anche grottesco. La maggior parte dei regimi, sono membri delle Nazioni Unite, sono antidemocratici, questo per essere generosi, e molti di loro sono guidati da psicopatici genocidi che uccidono impunemente. Tra gli altri paesi membri dell'ONU, ci sono quelli schiavizzano come la Corea del Nord, Zimbabwe, Cuba, il Sudan, la Cina, e molti altri che sono gestiti da criminali e assassini di massa che incarnano il terrorismo e l'estremismo violento. Inoltre, praticamente oggi, tutti i gruppi del terrore sulla terra hanno le loro radici dentro lo stesso stato che li sponsorizza, tra cui ISIS e al-Qaeda.

La vera soluzione al terrore, poi, non è né una ONU più forte, né una guerra globale alle ideologie estremiste o altre soluzioni analoghe. Responsabilizzare le Nazioni Unite per condurre una guerra globale sulle idee, le ideologie, la propaganda, e lo stesso discorso, è essa stessa una proposta estremista crivellata di
estremi pericoli. Di fondo, una risposta molto più semplice per il flagello del terrorismo sarebbe quello che l'ONU, arrestasse i gruppi terroristici che vengono supportati, smettendo di supportare i dittatori e terroristi con i soldi dei contribuenti. Tutto il resto è una frode pericolosa.

http://www.thenewamerican.com/world-news/asia/item/23185-un-plots-war-on-free-speech-to-stop-extremism-online

http://www.alt-market.com/articles/2895-un-plots-war-on-free-speech-to-stop-extremism-online
  
Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

2 commenti:

  1. Inquietante, ma purtroppo c'era da aspettarselo, altrimenti come tappare le bocche di quei "terroristi" del pensiero libero.
    Te lo "rubo".
    Grazie di tutto wlady.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marcello, prendilo pure ...
      Grazie a te della gradita visita.

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page