Nessuna delle Apocalissi Allarmistiche sul Clima si è presentata o è addirittura possibile

lunedì 10 aprile 2017

Una conveniente scelta




L’attacco di Trump alla Siria per … 
EVITARE IL DISASTRO ECONOMICO


da Whitney Webb
7 aprile 2017
 

dal Sito MintPressNews 
Whitney Webb è un collaboratore MintPress che ha scritto per diversi organi di informazione in inglese e spagnolo. Le sue storie sono state presenti in Zerohedge, Anti-Media, Century filo 21, tra l'altro è un Vero attivista. Attualmente risiede nel sud del Cile.
L'economia degli Stati Uniti sta entrando 
in territorio disastroso,
inoltre le migliori banche sono sull'orlo del baratro, 
non è una sorpresa l'evidente desiderio di intraprendere 
nuove guerre da parte dell'amministrazione Trump. 
Senza un nuovo conflitto militare, 
 l'economia di guerra permanente degli Stati Uniti 
rischierebbe di fallire del tutto.

WASHINGTON DC


Ancora prima del presunto attacco di gas a Idlib-Siria, potrebbe essere confermato in modo indipendente, dall'amministrazione Trump, la presa in parola l'accusa degli oppositori del governo siriano..

In uno scenario stranamente analogo al 2013, il governo degli Stati Uniti, insieme a molti altri governi pro-intervento che hanno finanziato e armato i ribelli e gruppi terroristici come Al Nusra, hanno chiesto di adottare un'azione contro il governo siriano del-presidente Bashar Assad, nonostante il fatto che il governo siriano per anni sia stato riconosciuto a livello internazionale non in possesso di armi chimiche. 

Mercoledì scorso, Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, ha dichiarato che gli Stati Uniti sarebbero "costretti" ad agire contro Assad se l'ONU non riuscisse a farlo, che è una quasi certezza dato il potere di veto di Cina e Russia al Consiglio di sicurezza dell'Onu.

Tuttavia, Haley non si è fermato lì, andando a incolpare la Russia e l'Iran per l'attacco a Idlib, nonché affermando,
"La verità è che la Russia, l'Iran e [il presidente siriano Bashar] Assad non hanno alcun interesse nella pace." 
Trump e altri nella sua amministrazione hanno offerto una retorica simile, Trump, ha detto quanto segue in una conferenza stampa Mercoledì:
"il mio atteggiamento verso la Siria e Assad è cambiato molto. Quello che è successo ieri è inaccettabile per me", aggiungendo che quello che sto per fare o farò "militarmente, non mi piace. Con questo, non sto dicendo che non farò nulla in un modo o in un altro".

Vice presidente Mike Pence ha detto a Fox News che,

"tutte le opzioni sono sul tavolo", compresa l'azione militare unilaterale in Siria che mira al regime di Assad".

Quei "suggerimenti" rivolti, sono diventati realtà molto presto Venerdì mattina, quando gli Usa martedì hanno lanciato 59 missili Tomahawk su di una base aerea siriana dovuto al presunto collegamento dell'attacco di gas a Idlib.

Dopo il lancio dei missili contro il regime di Assad, è diventato chiaro che l'amministrazione Trump, (forse per necessità) non ha alcun interesse per la pace. 

Come è stato osservato da politologi e analisti per decenni, gli Stati Uniti sono un'economia di guerra permanente, interamente dipendente dalle spese militari e di difesa al fine di generare una crescita economica.
Questo è quanto ha riferito il belga Kris politologo romano a Sputnik nel 2015:

"l'intera economia degli [Stati Uniti] è costruita sul tema militare - per mantenere la sua crescita economica, gli Stati Uniti hanno bisogno di una guerra ogni 4 anni, altrimenti la crescita economica rallenta, questo, non è un segreto."

Con segnali di pericoli economici ovunque e sostanzialmente rallentamento della crescita, Trump non ha altra scelta, che quella di coinvolgere gli Stati Uniti in un'altra guerra, al fine di "rendere grande l'America di nuovo."

Così come Eric Peters (del CIO di hedge fund di primo piano, un fiume di Asset Management) ha detto a metà marzo, le probabilità che Trump riesca nel suo programma di politica interna è

"zero, se non inizia una nuova guerra".

Lo stato dell'economia degli Stati Uniti e la sua crescita sta andando sempre peggio, la calamità economica appare ancora peggio di quella che si è svolta al momento della crisi finanziaria del 2008. 

Il mercato obbligazionario si blocca, il settore della vendita al dettaglio degli Stati Uniti è al collasso e le perdite di subprime sul prestito delle auto sono al loro livello più alto dopo l'ultima crisi.

L'ultimo è particolarmente preoccupante, in quanto questi prestiti auto subprime, come i mutui subprime del 2008, sono stati raggruppati e venduti agli investitori come "titoli", questo significa che le banche sono quasi nella stessa posizione come lo erano nel 2008 - solo che adesso sono molto più, e molto più grandi. 

Combinate questo con la partecipazione record di bassa forza lavoro, record di debito pubblico e la lenta crescita economica e la visone delle cose che cominciano ad essere sempre più fosche.

Anche se le prospettive economiche sono state deboli per qualche tempo, il mercato azionario è stato costantemente illuminato dopo l'ultimo incidente, in gran parte grazie alle politiche emanate delle banche centrali dopo il 2008. 

Mentre le scorte sono salite dopo l'elezione di Trump, il cosiddetto "Trump rally" il 21 marzo, ha preso una picchiata, che si è verificato per i titoli (finora) il giorno peggiore dell'anno.

Il mercato deve ancora riprendersi, con gli stock che continuano ad avere complessivamente uno scarso rendimento - scintille preoccupanti da parte degli investitori e anche dei grandi banchieri di vecchia data, in quanto gli investitori hanno ritirato dagli Stati Uniti stock di 14,5 miliardi di dollari in una settimana. 

Le cose sono andate sempre peggio dopo l'ultima riunione della Federal Open Market Committee (FOMC), in cui la Federal Reserve ha annunciato che si è concentrata su ciò che si stava sgonfiando, "alcuni membri" del FOMC l'avevano chiamata una bolla azionaria, inoltre avvertono che i prezzi delle azioni sono troppo gonfiati.

La bolla è stata conosciuta per anni, In particolare la Federal Reserve che stampava denaro, "quantitative easing", ha pompato i prezzi delle azioni e ha portato i mercati nella più grande bolla della storia - quella che si concluderà non appena la bolla scoppierà. 

La risposta negativa del settore finanziario è stata immediata.
Martedì scorso, Jamie Dimon - amministratore delegato della banca di JP Morgan Chase - nella sua lettera annuale agli azionisti ha detto che "qualcosa non va" con l'economia degli Stati Uniti.
Il giorno dopo, Mark Cudmore, ex trader FX di Bloomberg, ha dichiarato che,
"E' ormai una questione non di come ma di quando, i mercati si suddivideranno in una vera e propria ondata di avversione al rischio. Per quanto riguarda i tempi, stiamo discutendo di ore piuttosto che di settimane."

Quello che sta succedendo è molto vicino alla rottura, verso il basso, Trump ha bisogno di agire rapidamente per stimolare la crescita economica, per timore che la massiccia bolla (crisi creata nel 2008 dalla Federal Reserve), infine, esploda e l'intera economia sbandi andando fuori controllo. 

Considerando la dipendenza degli Stati Uniti sulla guerra per la crescita economica, è quindi conveniente che Trump e la sua amministrazione stiano già improntando una nuova guerra non solo contro la Siria, ma anche l'Iran, la Russia e chiunque altro scelgano di indirizzarla.

Trump dovrà scegliere tra il fare "di nuovo grande" l'economia americana con la guerra permanente o attuare le sue promesse di campagna anti-interventiste - non può avere entrambe le cose. Ma le azioni che lui e la sua amministrazione hanno preso finora indicano che la scelta è già stata fatta ...

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/
Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Ecco chi controlla e ha in mano il debito americano
LINK 

Daniele Ganser: Le vere cause della guerra in Siria.
(Video sottotitolato in lingua italiana)



Distruggere la sovranità della Siria
(Video sottotitolato in lingua italiana
 


Riunione di emergenza del consiglio ONU - Dal minuto 5:30 al minuto 20:00, l'intervento del rappresentante della Bolivia 
(in lingua spagnola comprensibilissima)

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page